PDF Stampa E-mail

UN PO' DI STORIA ...

Dall’ottobre 1889 al gennaio 1890 il Comizio Agrario del Circondario di Saluzzo organizzò in Sampeyre un corso per la fabbricazione di giocattoli di legno. Può sembrare un’iniziativa marginale, ma ebbe in realtà un grosso peso. Suggerì un modo nuovo di intendere il lavoro del legno e incentivò un tipo di produzione che rimase a lungo vivo, soprattutto nelle borgate: 60 gli iscritti, 250 i lavori realizzati. A chiusura del corso un ex-allievo, Giuseppe Galliano, promosse l’iniziativa di un ulteriore breve periodo di perfezionamento che ebbe luogo sempre a Sampeyre.

Nell’inverno 1920-21 un “artista pastore”, in Becetto di Sampeyre, raccolse i ragazzi del luogo e alcuni soldati, alpini di leva di stanza nella zona, per occuparne le ore di ozio. Ma il “maestro” Garzino era anziano e privo di aiuti e non poté che affidare il seme raccolto nella sua passione e nella nostalgia del tempo passato alla vacua e arida attenzione dei governanti quando mazzuole, sgorbie, gattucci, saracchi, trivelle, raspe e menarole, banali arnesi di pace, erano soverchiati da ben altri arnesi e concetti educativi.

Fu anche da questi richiami, ma con concetti moderni derivanti da una realtà totalmente nuova e di crisi profonda della montagna, che nell’anno 1975 il dottor Giovanni Romolo Bignami, redattore del Piano di sviluppo quinquennale della Valle Varaita, caldeggiò un corso di preparazione che sensibilizzasse e preparasse i giovani nella lavorazione del legno per iniziare un’occupazione in zona. Ed è da questa scuola che alcuni allievi nel 1979 fondarono la cooperativa Valle Varaita Giocolegno, per “riprendere la tradizionale capacità di lavorazione del legno” e contemporaneamente ”trovare le risorse economiche per continuare a vivere nel loro paese, nella loro valle”.

Oggi la Valle Varaita Giocolegno è una società cooperativa con sede a Brossasco, paese della media Valle Varaita. La Cooperativa produce giocattoli, giochi ed attrezzature didattiche, realizzati in legno e trattati con colori atossici. Costruisce inoltre mobili e arredamenti su misura in legno di castagno, rovere, pino, ciliegio e noce.